1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer

viagra palatino; font-size: 9pt;">Motore ItaliaBanca e Impresa

 

healing palatino; font-size: 9pt;"> 

 

 

 

 

 

Disoccupazione, politiche economiche troppo restrittive, sistema normativo “infinito ed oscuro”, difficoltà nell’accesso al credito. Questo quanto emerso ne convegno tenuto, lo scorso 21 giugno, presso la Camera dei Deputati. L’incontro ha visto il seguirsi di interventi di autorevoli relatori che, rivolgendosi ad un numeroso e qualificato pubblicato, hanno evidenziato i punti di debolezza del “sistema Italia” ma hanno anche lanciato concrete azioni e prospettive di rilancio.

Nunzio Bevilacqua, responsabile Udc per le PMi e i rapporti con il credito, ha sottolineato che gli incentivi andrebbero dati in modo mirato, alle aziende che investono e creano posti di lavoro a tempo indeterminato. A seguire Ercole P. Pellicanò, presidente dell’Associazione Nazionale per lo Studio dei Problemi del Credito, ha parlato di ripresa del sistema economico attraverso la stretta collaborazione tra mondo bancario ed imprenditoriale sia attraverso una “umanizzazione del rating” (ottenibile attraverso la valorizzazione della storia dell’azienda, della serietà della proprietà, della qualità del management e delle prospettive di crescita), che mediante l’istituzione di un Fondo di Garanzia, alimentato con capitali dello Stato.

La parola è poi passata a Lorenzo Cesa, segretario nazionale Udc, che, trattando la problematica della disoccupazione giovanile, ritiene necessaria l’unità delle forze politiche che devono agire in questo particolare momento sociale che necessita di concretezza. Antonio Gazzanti Pugliese di Cotrone, presidente della Fondazione Atlante, ha evidenziato il gap esistente, nel nostro Paese più che nel resto d’Europa, tra i servizi resi dallo Stato ed il forte carico fiscale a cui sono sottoposti i cittadini. Umberto Vattani, presidente di Sviluppo Italia-Sicilia, ha affiancato al binomio banca-impresa, le Istituzioni e la loro centralità per la crescita economico. Un passo importante sarebbe l’internazionalizzazione ma, per fare ciò, sono necessari sostegni concreti ed infrastrutture che, in Italia, mancano.

È dunque intervenuto Gian Luca Galletti, presidente del gruppo Udc alla Camera, che ha parlato di “principio di responsabilità e solidarietà” nella formulazione delle riforme: la pressione fiscale viene accettata volentieri dai cittadini se ad essa corrispondono effettivi segnali di cambiamento come, ad esempio, la riduzione del costo dello Stato. Sempre sul tema della giurisdizione, hanno preso la parola Federico Basilica, Avvocato dello Stato, e Antonio Nuzzo, direttore del dipartimento di Giurisprudenza della Luiss. Entrambi, da esperti di diritto, hanno denunciato un sistema normativo caotico, a volte contraddittorio, che sembra non seguire una strategia né un progetto definito. È necessario che la Pubblica Amministrazione recuperi credibilità operando in maniera chiara perseguendo un obiettivo preciso. Il presidente della sezione tributaria della Cassazione, Mario Cicala, ha rimarcato la centralità delle infrastrutture nel processo di sostegno alle PMI.

L’imprenditoria italiana, schiacciata dal cumulo fiscale, non è agevolata e, di conseguenza, l’economia nazionale stenta a ripartire. In conclusione, si sono susseguiti Giampietro Brunello, presidente Sose Spa, Luigi Scimia, presidente Sovigest Spa, e Stefano Bottega, imprenditore, che hanno richiamato una duplice e necessaria fiducia tra consumatori, banche e Pubblica Amministrazione, senza la quale non si avrà una completa ripresa economica e sociale.

 

 

Nunzio Bevilacqua Ercole Pietro Pellicano Lorenzo Cesa Motore Italia  
Gianpietro Brunello Vattani Mario Cicala  
 UDC Motore Italia  Lorenzo CesaNunzio Bevilacqua  Gian Luca Galletti  
Stefano Bottega Lorenzo CesaUmberto VattaniNunzio Bevilacqua Federico Basilica
 Antonio Nuzzo  Luigi Scimia  
 Gazzanti Pugliese Giampietro BrunelloUmberto Vattani  CappugiLoieroNuzzo  

 Media Partner

tf copy

 

 

1

Questo sito utilizza i cookies per migliorare il servizio

Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo

Utilizzo dei cookies

 (informativa conforme al Provvedimento del Garante Privacy del 8 Maggio 2014)

A.N.S.P.C. l'associazione nazionale per lo studio dei problemi del credito Titolare del trattamento dei dati personali

informa che questo Sito web utilizza cookies, per fornire un servizio migliore. Continuando la navigazione su questo Sito web, l'utente accetta e acconsente l’utilizzo dei cookies in conformità con le modalità d’uso espresse di seguito.

Che cosa sono i cookies ?

I cookie sono file di testo contenenti  informazioni memorizzate attraverso un browser su un dispositivo (pc, tablet, smartphone) ogni qual volta si accede ad un sito internet . Ad ogni successiva visita il browser invia questi cookies al sito web che li ha originati o ad un altro sito. Quasi tutti i siti intenet ricorrono a queste informazioni per rendere la navigazione più semplice ed efficace, in sostanza migliore.

Cookies utilizzati su questo sito:

Questo sito internet utilizza solo cookies tecnici ed analitici. Il loro utilizzo non necessita del consenso dell’utente, poichè strettamente necessari alla fornitura del servizio.

Qui di seguito l’elenco dei cookies installati e una loro breve descrizione:

  • Cookie di sessione o di navigazione: sono necessari al corretto funzionamento del sito. Le informazioni raccolte riguardano l’utilizzo di alcune funzionalità presenti nel sito quali la ricerca interna di parole chiave, l’accesso ad eventuali aree riservate, pagine preferite etc. Questi cookies possono avere una scadenza legata agli intervalli di tempo delle sessioni di navigazione, oppure essere persistenti, a meno che non vengano eliminati dall’utente nelle apposite sezioni per la gestione dei cookies del proprio browser.
  • Cookie analitici: raccolgono informazioni sulle modalità di utilizzo del sito al fine di consentire al titolare analisi statistiche di monitoraggio per ottimizzare il sito e migliorarne la fruibilità. Questo tipo di cookie raccoglie informazioni in forma anonima sull'attività degli utenti nel sito, per esempio sul modo in cui sono arrivati al Sito oppure quali sono le pagine visitate, la frequenza di rimbalzo su di sessione di navigazione. I cookie di questa categoria vengono inviati dal Sito stesso o da domini di terze parti.
  • Cookie per l’integrazione di parti terze: I cookie di questo tipo vengono utilizzati, in relazione a siti specifici di terze parti (quali i social network), per integrarne le funzionalità. I cookie di questa categoria vengono inviati dal Sito stesso o da domini di terze parti.

Il sito contiene collegamenti ad altri siti Web con una loro specifica informativa sulla privacy. Wave Consulting & Communication , non è responsabile per Siti di terze parti.

 

Come disattivare i cookies sul proprio browser:

La disattivazione di alcuni cookies potrebbe compromettere almeno in parte la navigazione su questo sito. Qui di seguito i links che rimandano alle sezioni per la disattivazione dei cookies nei browser che maggiormente vengono utilizzati:

4

3

2